Plantes i humans
Plantes i humans

Che cos'è etnobotanica?

 

italiano

el mateix en català – lo mismo en castellano – dasselbe auf Deutsch – lo mateix amb eivissenc – the same in English – la sama en Esperanto – le même en français – o mesmo em português – il medem sin romontsch – dës glych uf Schwyzertüütsch – IDEM LATINE

Questa domanda mi si fa talvolta perché io sono etnobotanico. Un poco semplificato si può dire che l'etnobotanica è tutto quello che appartiene tanto all'etnologia quanto alla botanica. Il suo argomento è tutto che si riferisce alle relazioni fra piante e uomini. È vero che i funghi, secondo la sistematica moderna, non sono un gruppo delle piante, tuttavia giacché la micologia – la scienza dei funghi – appartiene tradizionalmente alla botanica, l'etnomicologia appartiene anche all'etnobotanica.

L'argomento più esteso è naturalmente quello delle piante utilizzate. Queste sono non solo le piante commestibili ma anche quelle che forniscono fibre, legname da construzione, tinture, veleni da freccia e da pesca, foraggio per gli animali economici, stupefacenti, sedativi e stimolanti, farmaci, materie prime per produrre energia o materiale per imbottire, siano piante coltivate o piante selvatiche.

Nell'etnobotanica trattiamo la coltivazione, la raccolta e l'uso tanto possibile quanto effettivo delle piante, i culti che si riferiscono a questi e il ruolo delle piante nella concezione del mondo e nella lingua. Anche le relazioni dell'uomo alle piante non utilizzate economicamente come piante ornamentali o erbe selvatiche nei campi sono un argomento dell'etnobotanica.

Qualche volta l'etnobotanica viene considerata come se fosse limitata alle piante e i suoi usi (spesso solo medicinali e/o psicoattivi). Però quest'è solo uno dei differenti aspetti di questa scienza.

Ogni tanto si trova la designazione "piante etnobotaniche". Che cosa vuol dire questo, non lo so. L'attributo "botanico", lo stesso, sta bene a tutte piante. Per certo, questa designazione è una parola di moda di gente che non sa che cosa è etnobotanica.

Per chiarificarlo meglio seguono alcuni esempi d'argomenti dell'etnobotanica.
– L'uso d'alghe marine nelle parti differenti della società delle Isole Hawaii.
– Piante come divinità (per esempio divinità Dema) nella fede dei coltivatori di tuberi.
– Il ciclo annuale e la divisione del lavoro nella raccolta di riso selvatico ai Grandi Laghi in America del Nord.
– Piante allucinogene dei curanderi estatici (talvolta chiamati sciamani) al versante est delle Ande. +
– L'arte del giardino in Giappone.
– La coltivazione e l'uso della "zibarte" (varietà della prugna) in Germania del Sudovest. +
– La terminologia delle varietà di manioca nel bassopiano sudamericano.
– La rappresentazione della stella alpina nell'arte dei popoli alpini.
– L'uso di legname galleggiato da parte degli inuit.
– Vestigia archeologiche di piante economiche in colonie vichinghe.
– Miti intorno all'aglio e alla sua magia difensiva. +
– I viaggi dei nomadi nella Sahara dipendenti della presenza di certe piante da foraggio.
– Il sapere dei pigmei di piante medicinali.
– L'uso del giusquiamo per la divinazione dei grechi antichi. +
– La parte del cotone per la storia degli Stati Uniti.
– Le guerre d'oppio fra Inghilterra e Cina. +
– Produzione, uso e significato sociale di chicha (birra di granoturco). +
– La diffusione della patata in Europa.
– Produzione e uso dello sciroppo d'acero in America del Nord. +
– I progetti di caffè controllati da organizzazioni governative e ONG dei paesi consumatori.
– La coltivazione di granoturco e fagioli in coltura mista.
– La parte del tiglio nelle canzioni populare tedesche.
– Gli ingredienti e le forme di preparazione del curaro, veleno da freccia.
– Gli alberi come portatori d'anime umane secondo la fede degli aché in Paraguay.
– Influenze del pascolo di capre e pecore sulla vegetazione mediterranea.
– I metodi d'irrigazione degli hopi.
– La collezione d'erbe in società industriali e i pregiudizi contro.
– I viaggi degli apicoltori nomadi in Australia come conseguenza delle fonti di miele. +
– L'uso dell'albero nim per l'allontanamento d'insetti in India e in Nicaragua.
– Il culto della Madre Terra nella sierra centrale delle Ande.
– Le interpretazioni differenti delle pietre-fungo messicane. +
– I miti della scoperta delle muffe usate per il formaggio.
– Le tecniche della preparazione della canapa per fibre.
– Le possibilità dei lupini per l'alimentazione.
– I nomi delle piante nelle lingue criole.
– Il ruolo del vischio nella vita dei celti antichi.

Ora Loro hanno un po' un'idea della diversità d'argomenti trattati nell'etnobotanica.

Gli argomenti indicati per una croce + vengono trattati nel mio libro pubblicato nel 2.000 (in tedesco, non ancora tradotto in italiano).

Alcune piante e altri oggetti si trovano nel mio dizionario multilingue di droghe con i suoi nomi in tedesco, inglese, portoghese, spagnolo, francese, italiano, russo e esperanto, anche con etimologie.